La Casetta su Instagram

Home  /  Dolci   /  Flan al cioccolato e zenzero candito

Flan al cioccolato e zenzero candito

 

Lo “zenzero candito” è l’ingrediente che mi ha spinto a realizzare questo dolce. La ricetta è di Isabel Brancq-Lepage, leggermente modificata.

  • 150 g zenzero
  • 120 g zucchero
  • 5 uova
  • 1 litro latte
  • 150 g zucchero
  • 100 g maizena setacciata
  • 150 g cioccolato extra fondente
  • 230 g pasta brisèe

Per lo zenzero candito potete vedere qui il procedimento, io ho ridotto le dosi poiché il Natale è ormai passato….

Dalla cottura dello zenzero otterrete poi uno sciroppo prezioso da usare per altre preparazioni.

 

 

IMG_0932

 

 

Per il flan: preriscaldare il forno a 180° – In una pentola scaldare il latte con il cioccolato a pezzetti . In una ciotola mescolare la maizena con lo zucchero, a parte montare le uova ed aggiungere un po’ per volta il composto zucchero/maizena.Aggiungere il latte con il cioccolato. Foderare uno stampo non troppo basso con carta da forno. Adagiare la pasta brisèe lasciando uscire i bordi all’esterno.Versare il composto e ripiegare i bordi all’interno.

Aggiungere le fettine di zenzero candito a piacere. Infornare per circa 40 minuti. Raffreddare e mettere in frigorifero per 2 ore. Servire freddo

10 febbraio 2010

Tortine portoghesi

18 marzo 2010

Panna cotta lamponi e croccante

Comments

  • Stupendo!!
    ho ancora dello zenzero candito, potrei farlo:)
    a domenica:)

    2 marzo 2010
  • Le due fettine sono proprio belle , se dici che sono anche buone , questo flan è da provare.
    Ciao , a presto ,chiara

    2 marzo 2010
  • ah lo zenzero!!! e quello candito poi… tra poco lo metto anche nel caffellatte

    ciao!

    3 marzo 2010
  • ciao, scopro ora la tua casetta grazie a FB che mi suggeriva di contattarti perchè abbiamo una quindicina di persone in comune. Io mi sono incuriosita ed eccomi qui. Molto carine le ricette che proponi, tipo questa, a me il ripieno al cioccolato budinoso piace, come lo zenzero candito che qui in Francia usano tantissimo. Mi segno la ricetta, grazie!

    4 marzo 2010

Leave a comment