La Casetta su Instagram

Home  /  Semifreddi e gelati   /  Mine vaganti…

Mine vaganti…

Quando ho visto questa meringata nel libro di Christophe Michalak , sono rimasta affascinata…non solo dagli ingredienti che sono tra i miei preferiti ma anche dalla forma …

eccola per voi, riprodotta… quasi fedelmente  !! La preparazione va fatta in due giornate.

  • sorbetto ai lamponi (4 cestini )
  • meringa 300gr.
  • panna fresca  400 gr.
  • mascarpone 100 gr.
  • zucchero 20 gr.

Il primo giorno portare a leggera  ebollizione la panna poi togliere dal fuoco ed aggiungere il mascarpone. Lasciar raffreddare e riporre in frigo per la notte.

Per la meringa:

(100 gr, di albumi + 200 gr. zucchero a velo 1 cucchiaino di limone )

montare a neve gli albumi; quando hanno triplicato il loro volume iniziare ad aggiungere lo zucchero a velo e poi il limone (vedi qui) Mettere la meringa in un sac à poche con bocchetta liscia e formare dei tubetti lunghi sopra ad una piastra ricoperta con carta da forno. Cuocere a 80° circa per due ore.

Il secondo giorno:

Con una frusta elettrica montare la panna non  troppo ferma. Rimettere in frigo.

per il sorbetto di lamponi : ho aumentato le dosi in base al risultato della panna :-))

380 gr. di lamponi , 100 gr. di acqua, 140 gr. di zucchero e 4/5 grammi di neutro (oppure 50 gr. di glucosio per evitare la cristallizzazione + addensante)

In un pentolino unire acqua e zucchero e portare ad ebollizione poi togliere dal fuoco e unire il neutro.

Passare al mixer i lamponi e poi al chinoise per eliminare i semini. Unire la purea di lamponi allo sciroppo di zucchero . A questo punto si può colare direttamente nello stampo a mezze sfere di silicone oppure mettete nella gelatiera, montare il sorbetto e poi versare nello stampo. Mettere in freezer per almeno 30 minuti il sorbetto montato e almeno un’ora nell’altro modo.

Quando il sorbetto è solidificato unire le sfere a due a due ed infilare uno stecchino. Tagliare le meringhe a piccoli cilindri.Immergere la palla tenendola dalla parte dello stecco, nella panna e poi ricoprirla con i pezzettini di meringa.Servire con lamponi freschi !!

 

 

29 gennaio 2011

Sorbetto mandarino – arancia

17 maggio 2011

Semifreddo al mango con festeggiamento !

Comments

  • sono un incanto, Carola. me la metterei sul comodino!

    19 aprile 2011
  • Splendidissime! Potrebbe diventare il mio dolce preferito: adoro sia i lamponi che la meringata!!!

    19 aprile 2011
  • Delizia divina! quando ho visto il titolo nel blogroll mi sono un po’preocupata ma vedo che era invano :))))
    bellissime queste mine!!
    bacissimi!
    pat

    19 aprile 2011
  • Oddio… che meravigliaaaaaaaaaa!!!!!!!
    Ci si può non innamorare di questa delizia?!
    Elegante, estivo, fresco, sfizioso…. perfetto!!!

    19 aprile 2011
  • che belle che sono carola! sembrano davvero delle piccole sculture da tenere a vista!

    19 aprile 2011
  • Carola, è bellissima! Un vero capolavoro, me ne sono leteralmente innamorata ;)
    Che bella, sono senza parole!
    PS: spero che riusciremo a rivederci prima o poi, mi piacerebbe fare qualche altro corso da te :D
    Un abbraccio

    19 aprile 2011
  • Io le metterei in una vaso sul tavolo di Pasqua, bellissime e tu bravissima ;))

    19 aprile 2011
  • Ciao Carola, che dire? Un abbraccio fortissimo per la ricetta con il burro salato e per quelle che hai presentato in questi ultimi post! Mi è dispiaciuto davvero tanto non esserci: le nuove crostate sono davvero strepitose! E sai che domenica ho cucinato per Fairtrade e Acs un’intera cena vegetariana! Perfetta sintonia :)

    19 aprile 2011
  • Cavolicchio! Io devo assolutamente assaggiarne una… Lo sai che Santa Barbara è la protettrice delle mine vaganti?!? Un bacione.

    19 aprile 2011
  • Carola, ma sei diventata una vera pasticciera!.. Che dessert stupendo, bellissimo! Non ce la farò mai uno così.. Complimenti di cuore!
    Un bacione e buona Pasqua!

    20 aprile 2011
  • laura

    Reply

    CIAO CAROLA
    …sei un artista…
    BUONA PASQUA – un bacio – ciao

    21 aprile 2011
  • 10 novembre 2011

Leave a comment