Popovers al gruyère

 

 

Sono le 4,00 (notte fonda o mattino presto ?!? )  il sonno non ne vuole sapere di riprendere i consueti ritmi e vuole mantenere gli stessi orari della scorsa settimana…….così  mi ritrovo a scrivere un post già preparato, pronto da inviare qualche giorno fa,  ma poi  il totale rilassamento e l’allontanamento dal mondo virtuale  ha fatto sì che rimanesse  in attesa del ritorno a casa. Ora nel silenzio della notte , piano piano tutto ritorna alla normalità, speriamo anche il sonno……….

per preparare 6 popovers grandi

  • 140 gr.farina 0

  • 140 gr. farina integrale

  • 4 uova

  • 470 ml. latte intero

  • 8 gr. sale

  • 140 gr. gruyère

Riscaldare il forno ventilato ed i contenitori ( in questo caso forme diverse in alluminio ) a 180°. Scaldare il latte e mettere da parte. Sbattere le uova con una frusta fino ad ottenere un composto schiumoso poi versare il latte tiepido. Setacciare la farina con il sale e lentamente unire alle uova mescolando delicatamente. Togliere  gli stampi dal forno , appoggiarli sopra una teglia rivestita di carta da forno e ungerli (con lo staccante spray è più facile e si evitano le ustioni :-P ) Riempire per ¾ ogni stampino e cospargere con il  gruyère  grattugiato. Cuocere per 50 minuti, ruotando gli stampi di mezzo giro dopo 15 minuti. Sfornare e mangiare !!


14 thoughts on “Popovers al gruyère

  1. Sfornare e….mangiare!…ecco quella in ogni ricetta è la mia parte preferita!!!
    Molto convincenti e sicuramente un’attività produttiva per impegnare le notti insonni, io nello stesso contesto e nello stesso orario impasto la focaccia!!!

    Un bacetto, Fabi

  2. Più che ritornare a dormire con questa ricetta io me ne andrei piano in cucina,apparecchierei la tavola e mi gusterei questa buonissima ricetta.Ciao a presto.

  3. Sono dei piccoli soufflè, giusto? Non avevo mai sentito questo nome….
    Che buoni, però! Ti sono venuti alla perfezione!
    Buonissima giornata

  4. che belli che sono… sanno di buono e di primavera!
    Li faccio di sicuro la settimana prossima.. che avrò tempo per stare a casa ;)
    un abbraccio carola!

    • benvenuta Simo ! il popover può essere dolce o salato,un pane in America, il nome deriva dal fatto che si apre in superficie e fuoriesce dallo stampo
      @Max,Reb,Fabi,Annamaria grazie a tutti :-)) @Sandra un grande abbraccio ! @Juls ci vediamo a Firenze? grazie :-))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *