La Casetta su Instagram

Home  /  Antipasti e Verdure   /  La raccolta delle castraure

La raccolta delle castraure

 

Questa mattina ho fatto una piccola escursione a Lio Piccolo territorio della laguna di Venezia dove viene coltivato il ” violetto di Sant’Erasmo”. Qui , ancor prima delle altre isole che sono mitigate dal clima marino, più fresco rispetto a quello della laguna interna, si stanno raccogliendo castraure e botoli. Da ogni pianta si raccoglie una castraura, ovvero il frutto apicale famoso per il gusto particolare e tenerissimo. Tagliato questo frutto si sviluppano quattro botoli laterali, altrettanto teneri e gustosi. Raccolti questi altri frutti nel giro di una ventina di giorni nascono altri botoli destinati a cotture diverse o conserve.

Lio Piccolo

Il consorzio

Il 13 Aprile 2004 nasce il consorzio del Carciofo Violetto di Sant’Erasmo per tutelare e promuovere la produzione delle aziende associate. Tra i riconoscimenti già ottenuti, nel 2002 , l’identificazione di presidio Slow Food.

la castraura

i botoli


Ci sono tantissimi modi di assaporare questo alimento ricchissimo di sostanze nutritive, ma vi assicuro che assaggiarlo crudo, tagliato a sottili rondelle, accompagnato da scaglie di parmigiano e condito con olio extra vergine d’oliva, è fantastico !!



23 aprile 2010

Sformato di asparagi, ricotta e pistacchi

9 giugno 2010

Esposizione Collettiva

Comments

  • …e te ne vai, in un posto così, a vedere (e mangiare) cotanta meraviglia senza dirmi niente??? ;-DD
    voglio venire anch’ioo!!

    28 aprile 2010
  • Mi sono quasi commossa nel pensare a quanto buoni siano! Devo chiamare i miei contadini di fiducia di Sant’Erasmo e farmene portare una buona dose.
    La prossima volta mi associo a te e Roberta. ;)

    28 aprile 2010
  • grazie di aver pensato anche alla tua cognatina! questa sera preparerò (finalmente :o)) una bella cenetta a max!

    28 aprile 2010
  • ilaila77

    Reply

    Che meraviglia e che fortuna poter vivere direttamente queste esperienze, fianco a fianco dei contadini

    29 aprile 2010
  • qui niente da fare: di castarture nemmeno l’ombra. ma anche io ho avuto modo di assaggiarle crude, con scaglie di parmigiano e ottimo olio di oliva e sono veramente ottime

    29 aprile 2010
  • E’ uno dei piatti che adoro di più al mondo l’insalata di carciofi.. anche se ammetto di mangiarli in ogni salsa, ho persino porvato a fare la crema con i gambi di carciofi (vedi il mio blo, sempre se ti va) ed é venuta buonissima… bellissimo il tuo blog.. bacio

    29 aprile 2010
  • laura

    Reply

    Ciao Carola , hai ragione sono perfetti gustati come dici tu, la prossima volta mi associo a te ,Lorella e Roberta. ciao un bacio.

    29 aprile 2010
  • Che bel post Carola!! Sono proprio stata a Sant’erasmo in gita sulla sampierotta di mia suocera, che ambiente particolare la laguna, vero?
    Baci:)

    30 aprile 2010
  • Che bello leggere di questi posti. E le tue foto sono davvero belle, l’ultima in particolare.

    2 maggio 2010
  • Ciao, quando verrò a trovare Terry mi farò portare a Sant’Erasmo, me ne parla sempre con entusiasmo.

    10 maggio 2010

Leave a comment