Zuppa bianca

 

 

Ancora una ricetta “rubata” a Mauro, ve ne ho parlato qui e qui. Una zuppa , l’ideale per queste fredde giornate d’inverno, questa è realizzata con gli ortaggi tipici di questa stagione, il finocchio ed il porro, facile da preparare, un dolce sapore di fondo che contrasta con i crostini piccanti e la freschezza dell’erba cipollina.

Curiosità – L’espressione “lasciarsi infinocchiare” deriva dall’abitudine dei cantinieri di offrire spicchi di finocchio orticolo a chi si presentava per acquistare il vino custodito nelle botti. Il grumolo infatti contiene sostanze aromatiche che rendono gustoso anche un vino di qualità scadente.

per 4 persone

  • 3 finocchi

  • 3 porri ( la parte bianca )

  • 300 ml latte di riso

  • crostini saltati con olio piccante

  • mandorle con buccia – erba cipollina

  • sale e pepe

In un tegame insaporire i finocchi tagliati a spicchi e i porri tagliati a rondelle con un po’ di olio , coprire con acqua e portare a cottura. Passare tutto al mixer aggiungere sale, pepe ed il latte di riso. Guarnire con le mandorle tostate e tagliate a bastoncino, un po ‘ di erba cipollina sminuzzata e crostini dorati in olio piccante.

 

6 thoughts on “Zuppa bianca

  1. Invitante questa crema; è un genere di patto che apprezzo molto perché è stagionale. Ora per esempio preparo creme con porro, patata e topinambur, oppure sostituendo la zucca ai topinambur.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *